Gli obiettivi

La scuola > Gli obiettivi

L'Istituto “Antonio Magarotto” di Torino è aperto anche ad allievi udenti per una “integrazione inversa” inserendo allievi udenti in una classe di sordi.

L'Istituto è caratterizzato da una didattica specializzata ed aperta all'integrazione quotidiana fra cultura dei sordi e quella degli udenti, anche attraverso l'uso del bilinguismo (italiano-segnato e lingua italiana).
Il nostro Istituto fornisce un servizio personalizzato e qualificato per valorizzare le diverse potenzialità degli studenti attraverso una reale e significativa integrazione tra i compagni per scoprire che le differenze, se ben utilizzate, sono una risorsa reciproca.

La filosofia di un Istituto che ospita studenti sordi e studenti udenti è ben rappresentata nella frase detta da un allievo tra i banchi di scuola: “Imparerò a conquistare la tua voce!”.

La nostra attività didattica parte dall'esigenza di considerare ogni problema dalla prospettiva dei sordi e non degli udenti.
Perché i primi devono adattarsi sempre alle esigenze dei secondi? Solo perché questi ultimi costituiscono la maggioranza?
I sordi non vogliono essere compatiti e non vogliono essere considerati degli handicappati. Non sono sempre orgogliosi né tanto meno felici di essere sordi, tuttavia non si sentono meno intelligenti e meno brillanti solo perché privi dell'udito. Essi rivendicano la propria diversità per poter usare il linguaggio che ritengono più congeniale; per il resto ben sappiamo che possiedono le stesse aspirazioni e gli stessi pensieri degli udenti.
La premessa che sottende tutto il lavoro parte quindi da un nuovo concetto di “relazione”: saper instaurare con l'allievo un rapporto basato sulla fiducia privilegiando il “rapporto” alla mera trasmissione dei contenuti. Solo così si otterranno i migliori risultati sia sul piano cognitivo, sia su quello sociale.
È un percorso in cui le due voci, del sordo e dell'udente, si integrano ed imparano a riconoscersi.

L'obiettivo principale è preparare gli studenti ad un futuro vincente nella consapevolezza che la sordità non sia un ostacolo per affermarsi con successo nella società e nel mondo del lavoro.
I Docenti, per perseguire tale obiettivo, lavorano costantemente nella ricerca e nella individuazione di tecnologie didattiche e formative sempre più qualificate e aggiornate.